Non ho ancora completamente superato il trauma del furto dei bagagli che abbiamo subìto in Sardegna (anche se grazie ad una splendida ragazza siamo riusciti a recuperare qualcosa), ma pian piano la brutta esperienza sta lasciando spazio ai ricordi dei bei momenti vissuti e dei posti meravigliosi che abbiamo visitato.

Nei miei occhi risplendono ancora tutte le sfumature del blu del mare, nella mia bocca sento ancora il gusto del maialetto cotto magistralmente per ore sulla brace, della bontà del tradizionale e incredibilmente buono pane frattau o del pesce che dire saporito è riduttivo; sento ancora nelle orecchie il suono delle risate dei miei compagni di viaggio e dei bambini che giocano spensierati e nel naso il profumo della natura che esplode in tutta la sua potenza.

Il viaggio è stato organizzato con i miei colleghi, poi esteso a compagni e figli, e alla fine i partecipanti alla “gita” eravamo in dieci. Ospiti dalla famiglia di una collega, che non ringrazierò mai abbastana per l’occasione che ci hanno offerto, abbiamo approfittato del tempo assieme per fare grandi bagni, memorabili mangiate ma soprattutto stringere legami che si rinforzano ogni giorno di più!

Avendo base nell’oristanese, a Terralba, nei due giorni siamo riusciti ad andare alla scoperta di due spiagge vicine e meravigliose, che i bambini hanno particolarmente apprezzato trascorrendo tutto il tempo a dividersi fra bagni e giochi:

  • Spiaggia di Pistis: un piccolo lembo di spiaggia caratterizzato da un mare incredibilmente blu e limpido. Se ci si avventura oltre la zona più frequentata, con una passeggiata di circa mezzora si può arrivare a Torre dei Corsari, attraversando spiaggia incontaminata bazzicata soltanto da qualche turista in tenda e, attenti agli occhi, qualche simpatico nudista!
Spiaggia di Pistis - Sardegna

Spiaggia di Pistis – Sardegna

Spiaggia di Pistis - in fondo Torre dei Corsari - Sardegna

Spiaggia di Pistis – in fondo Torre dei Corsari – Sardegna

  • Spiaggia di Is Arutas: avete mai provato a distendervi su una spiaggia di quarzo? Ad Is Arutas è possibile, la sua caratteristica principale è infatti la sabbia di quarzo con colori che variano dal bianco, al rosa fino al verde. Anche qui le acque sono splendide, e inoltrandosi verso le rocce più distanti si può godere di un panorama assolutamente mozzafiato. Ma che non vi venga in mente di portare neanche un granello di sabbia come souvenir o imbatterete in una (giustissima) multa salata!
Spiaggia di Is Arutas - Sabbia di quarzo - Sardegna

Spiaggia di Is Arutas – Sabbia di quarzo – Sardegna

Spiaggia di Is Arutas - Sardegna

Spiaggia di Is Arutas – Sardegna

Non era la prima volta che trascorrevo qualche giorno in Sardegna e sono felice di averci portato finalmente anche Ciccino. Perchè lei, la nostra isola per eccellenza, non si risparmia mai; i suoi colori farebbero invidia alla tavolozza del pittore più bravo, i suoi sapori sono unici sulla terra ma, soprattutto, il cuore della sua gente è infinito, così come i suoi orizzonti.

Ho approfittato di questi pochi giorni di relax sull’Isola per potermi poi cimentare sul mio primo video, forse le immagini possono trasmettere meglio di qualsiasi parola la bellezza della quale mi sono riempita occhi e cuore.

© 2017 Valigia e Passeggino