Praga è un caleidoscopio: ruotatelo davanti agli occhi e si alterneranno residenze reali, luridi giacigli, giardini pensili, acque incantate, isole felici, baldacchini di malachite, gradinate verso i cieli e nere discese agli inferi. Capite? Praga è una visione, un sogno, un incanto (Leggende Praghesi – Frantisek Langer)

Praga_Giardini-di-Wallenstein

I Giardini di Wallenstein

Praga è bellissima. Un incanto, come ben dice Langer. Partiamo da questo presupposto.

Praga è una città totalmente family friendly che offre ai nostri piccoli compagni di viaggio possibilità di momenti di svago e distrazione. Posso assicurarvi che è possibile visitarla dedicandole tre giorni pieni e rimanerne affascinati.

Ecco quello che, secondo me, è fondamentale visitare.

Ho già dedicato un intero post alla scoperta di Ponte Carlo e del quartiere Mala Strana, che quindi volutamente adesso tralascio.

Ma Praga non è solo questo.

  •  il Palazzo e i Giardini di Wallenstein

Allontanandosi un po’ da Malà Strana, ma rimanendo ancora all’interno dello stesso quartiere, ci si imbatte nel Palazzo Wallenstein, con i suoi meravigliosi giardini. Qui tutto parla italiano. L’architettura barocca del Palazzo – o meglio, della reggia – è stata, infatti, realizzata da architetti purosangue italiani (Andrea Spezza, Nicolò Sebregondi e Giovan Battista Pieroni) e i giardini antistanti sono proprio italiani.

Giardini-di-Palazzo-Wallenstein

Praga – Giardini di Palazzo Wallenstein

I pavoni che abitano il giardino sono stupendi, ovviamente i bambini non riescono a togliere loro gli occhi di dosso aspettando il momento in cui decidono di aprire la loro magnifica ruota lasciandosi andare alla loro migliore esplosione dei colori. Anche le statue che adornano i giardini meritano di essere ammirate.

Statue-Giardini-Wallenstein

Praga – Statue dei Giardini di Wallenstein

  • L’isola di Kampa

Continuando da Mala Strana si può tornare verso Ponte Carlo e attraversarlo dalla parte inferiore, passeggiando lungo l’isola di Kampa.

Praga-Kampa

Praga – vista dall’Isola di Kampa

Lasciandosi guidare dalla Moldava, in questa tranquilla isola – che viene chiamata generosamente “la Venezia di Praga” –  ci si può abbandonare al totale relax e giocare con le statue dei bambini che sono l’attrazione principale.

Praga-Statue-Kampa

Praga – Statue di bambini all’Isola di Kampa

Si dice che ogni volta che da queste parti nasce un bambino le statue prendano vita. Solo leggenda? Accompagnati da questo alone di mistero ci allontaniamo per tornare verso la nostra base, non prima però di aver salutato la statua di Sri Chinmoy, un leader spirituale indiano che a mani giunte ci regala un sorriso. Il primo giorno di scoperta è terminato.

Praga - Isola di Kampa - Statua di Sri Chinmoy

Praga – Isola di Kampa – Statua di Sri Chinmoy

© 2019 Valigia e Passeggino